L’incontro di TAVERNA CATENA nelle citazioni 

                                                   dei  tanti  TESTIMONI OCULARI 

 

TESTIMONI OCULARI dell’Esercito Garibaldino:

FRANCESCO CRISPI

Segretario di Garibaldi - Statista - Ministro Nel « Diaro della Spedizione dei Mille »

« Garibaldi e il Re s’incontrarono tra Marzanello e Vairano ». 

                     _______________________________________________

ACHILLE FAZZARI

Esecutore testamentario di Garibaldi

Da una lettera depositata presso l’Ufficio Storico (860-61, pag. 70)

« La mattina deI 26 ebbe luogo il memorabile incontro tra i due grandi Fattori dell’Unità d’italia e precisamente a TAVERNA CATENA, ove ricordo benissimo v’era una cava di pietra ».

                    _______________________________________________

 

GIUSEPPE CESARE ABBA

Da « Noterelle di uno dei Mille »

« Una casa bianca ad un gran bivio ».

Da una dichiarazione verbale conservata all’Ufficio Storico (70-398)

« Il punto preciso dell’incontro mi pare sia stato il bivio che nella carta del 1789 (dello Zanonì) è segnato col nome di TAVERNA CATENA».

Da una lettera del 1908

« ... sebbene propenda proprio per credere che l’incontro sia avvenuto al QUADRIVIO DELLA CATENA ». 

                 _______________________________________________

 

ALBERTO MARIO

Dello stato maggiore garibaldino Da « Vita di Garibaldi »

« Noi attraverso i campì e sui primi abbozzi di una via ferrata (n.b.: trattasi della ferrovia Cassino—Napoli passante per Vairano)... ci arrestammo ad un bivio per attendervi Garibaldi... Il sito d’intersezione delle due strade era abbastanza capace, e l’adornavano una casa rusticana e una dozzina di pioppi ».  

 

              ________________________________________________

 

MISSORI

Colonnello garibaldino

« Incontrai il Generale ad un incrocio di strade... ». 

             ________________________________________________

 

STEFANO CANZIO

Generale

« ... l’incontro avvenne ad un incrocio di strade... ».

          ___________________________________________________

 

 

NICOLA NISCO

Patriota e storico beneventano

Da i Ricordi biografici di Nicola Nisco »

« Ho assistito all’incontro... L’incontro ebbe luogo nel QUADRIVIO PRESSO CAIANELLO ».

 

        ______________________________________________________

 

RUSTOW

Generale garibaldino

Da « La guerra italiana del 1860 »

« Il 26 fra le 5 e le 6 Garibaldi fece partire le sue truppe dai bivacco di Caianello e le condusse a destra verso le Fratte (di Vairano)... andando incontro al Re».

 

TESTIMONI OCULARI dell’Esercito Regio

 

PAOLO SOLAROLI

Generale del IV Corpo Regio, aiutante di Campo di Vittorio Emanuele Il Dai diari delle campagne 1848-1856-1866

« li Re marciò colla colonna delle truppe ed io con tutti gli altri andammo a

QUADRIGLIA (c. d. Quadrivio Catena) dove trovammo Garibaldi che era lì ad

aspettare il Re... Garibaldi fece mettere in battaglia i pochi che aveva con lui

e si mise a gridare: Viva il Re d’italia! ».

 

________________________________________________________________

 

E. DELLA ROCCA

Comandante del V Corpo d’Armata

Da Autobiografia di un veterano », voI. Il, pag. 76

« Seppi poi che aveva incontrato il Re a "QUADRIGLIA" e che per primo lo aveva salutato e proclamato Re d’italia.

_______________________________________________________________

GENOVA DI REVEL

Generale del IV Corpo d’Armata Da « Da Ancona a Napoli »

« ... vedemmo cavalieri fermi sulla strada ai così detto QUADRIVIO DELLA TAVERNA CATENA e portarsi all’incontro del Re ».

_______________________________________________________________

PETELLA GIOVANNI

Generale

Da « La legione del Matese... »

« Intendo parlare dello storico incontro di Re Vittorio Emanuele col Generale Garibaldi, avvenuto il mattino di quel giorno, proprio al QUADRIVIO Dl CAIANELLO dirimpetto all’attuale stazione ferroviaria, ossia alla TAVERNA DELLA CATENA, così detta nel 1860, per una casa che serviva da osteria e da fermata postale... ».

____________________________________________________________________

CARLO MARIANI

Luogotenente Colonnello

Da « Le guerre dell’indipendenza italiana » e a Storia politica e militare »

« Nel luogo ove Salzano erasi trovato a parlamento col Cialdini avveniva lo storico incontro di Garibaldi e di Vittorio Emanuele. ». 

 

__________________________________________________________________

CARANDINI

Generale

Da a Vita di Manfredo Fanti »

« ... ebbe luogo nel medesimo posto ove Cialdini si era abboccato con Salzano ossia al QUADRIVIO DELLA TAVERNA CATENA ».

 

Cronisti stranieri al seguito dei "MILLE

 

GUSTAV RACH

Cronista prussiano al seguito della Spedizione dei Mille

Da a Garibaldi e Napoli nel 1860 »

« Il 26 ottobre Garibaldi s’incontrò col Re non lungi dal Villaggio di MARZANELLO » (n.b.: Marzanello è una frazione di Vairano).

________________________________________________________________

GEORGE MACAULAJ TREVELJAN

Storico inglese

Da a Garibaldi e la formazione dell’Italia »

« All’alba egli (Garibaldi) e il suo Stato Maggiore erano partiti a cavallo per muovere alla volta del Re e s’erano fermati davanti a TAVERNA CATENA, un casolare rustico ombreggiato da pochi pioppi al punto di congiunzione delle due strade per cui si avanza l’esercito regio ».

 

Testimonianza dell’Esercito Borbonico

 

GIUSEPPE BUTTA’

Cappellano Militare borbonico

Da a Un viaggio da Boccadifalco a Gaeta »

« Garibaldi... sulla via consolare che mena da Vairano a Marzanello, incontrò Vittorio Emanuele ».

 

Riconoscimenti autorevoli dì Teanesì ... d’altri tempi:

 

C. LONARDO

Sindaco di Teano 1911 - Deputato

Discorso del 26-10-1911 in Teano

« Il quadrivio di Caianello fu l’altare su cui l’eroe depose da dittatura ».

 

 

 

F. MAZZOCCOLO

Storico - Nacque a Teano il 23 aprile 1861 da Michele, nobile di Gaeta, e da Eleonora d’Eboli-Zito, baronessa di Roccasicura che gli trasmise il titolo. Pubblicista e conferenziere, scrisse due romanzi storici: "La Nuova Roma" e "Margherita Consalvi" che furono pubblicati postumi. Postumo fu anche pubblicato il volume: "Gli ultimi giorni del Borbone in Italia", che ricostruisce le ultime vicende del Regno delle Due Sicilie. Morì in Teano il 7 ottobre 1918.
 

Da  «" Gli ultimi giorni del Borbone in Italia  " »

« lo che narro cittadino teanese facendo tacere ogni affetto di parte non posso che avvalorare che Io incontro avvenne a TAVERNA DELLA CATENA ».  

 

 

                -------------------- ( DI SEGUITO LE PAGINE DEL LIBRO DOVE SI EVINCE QUANTO APPENA CITATO )-------------------